Stephanotis
Asclepiadaceae

Generalità: rampicante legnoso originario del Madagascar; Viene coltivata in vaso con tutore;
Le foglie: opposte intere, solitamente coriace.
I fiori: fiori bianchi, cerosi, riuniti in ombrelle ascellari, tubulosi somiglianti a quello del gelsomino; La fioritura avviene a maggio a ottobre.
Terreno: leggermente acido.
Concimazioni: concimazioni completa ma povera di azoto in fase di fioritura.
Potature: Durante l'inverno prima delaa nuova crescita si eliminano i rami secondari.
Moltiplicazione: si propaga sia per seme che per talea di parti semidure in estate in bancali con riscaldamento basale.
Annaffiature : abbondanti durante la fioritura, mentre durante il resto dell'anno il terreno deve essere tenuto umido.
Esposizione: alla luce in inverno e ombreggiata in estate.
Parassiti e malattie: afidi e cocciniglie.
Varietà: Il genere Stephanotis comprende circa 5 specie ma la più diffusa è la Stephanotis Floribunda per i suoi fiori profumati.